Ponte dentale

Studi Associati
[ditty_news_ticker id="614"]

Ponte Dentale

Le protesi dentali possono si dicono di  fisso o di tipo mobile a seconda che possano essere rimosse autonomamente dal paziente oppure no. Le protesi fisse possono essere su denti naturali o su impianti (avvitate o cementate).

Se correttamente eseguita, una protesi fissa non può essere rimossa dal paziente ma neanche dal dentista a meno di non romperla. Fra le protesi di tipo fisso, il cosiddetto ponte è quel tipo di protesi con cui si va a sostituire uno o più elementi mancanti appoggiandosi a denti naturali o ad impianti posti alle estremità della zona edentula.

Non ripeteremo mai abbastanza quanto sia importante, soprattutto in giovane età, sostituire un dente mancante quanto prima onde evitare che i denti adiacenti e/o antagonisti si spostino scatenando così a catena una serie interminabile di problemi.

Nonostante l’evoluzione dei materiali dentari abbai messo a disposizione del dentista materiali sempre più performanti sotto ogni punto di vista, per realizzare un ponte su denti naturali è ancora necessario limare e quindi ridurre (anche se in misura assai ridotta rispetto a quanto avveniva in passato) i denti adiacenti a quello mancante, i cosiddetti “pilastri”. Per questo motivo, soprattutto se tali pilastri sono integri e sani preferiamo non toccarli e ricorrere piuttosto all’implantologia per sostituire il dente mancante.

Una volta preparati i denti che dovranno fungere da pilastri, se ne prende un impronta con tecniche tradizionali (le classiche “paste” da impronta”) o con tecniche digitali e si invia il tutto al laboratorio odontotecnico. Nel giro di qualche giorno, il laboratorio ci consegnerà un manufatto già finito nella maggior parte dei casi. Nei casi più complessi, sopratutto se con un elevata richiesta estetica, possono rendersi necessarie delle prove intermedie. Alla fine si procederà comunque alla consegna di un manufatto perfetto sotto ogni punto di vista (margini di chiusura, estetica, masticazione, fonazione)

Riguardo ai materiali utilizzati oggi si fa sempre maggiore ricorso a materiali altamente estetici e quando possibile anche privi di metallo come la ceramica ed il composito, cosiddetti materiali “metal-free”.

In attesa del manufatto definitivo il paziente avrà un provvisorio che gli consentirà di ridurre al minimo il disagio estetico e funzionale nel periodo di attesa.

[contact-form-7 404 "Not Found"]

Perchè scegliere Dentista7su7.it

Argomenti Correlati
Top